Senza categoria

Quante tazzine di caffè devi bere per prenderti cura del tuo cuore?

Gli studi hanno dimostrato che riduce il rischio di infarto del 7%.

Il caffè aiuta a ridurre il rischio di scompenso cardiaco o di ictus, ora ordina un caffè per il tuo cuore!

Hai già bevuto le tue tazzine di caffè oggi? Non aspettare più, il caffè aiuta a ridurre il rischio di sviluppare insufficienza cardiaca o avere un ictus. ora ordinate un caffè per il vostro cuore.

L’American Heart Association ha riferito che una tazza di caffè alla settimana riduce il rischio di infarto del 7% e di ictus dell’8% rispetto ai bevitori di caffè.

Quanto ti preoccupa il tuo cuore?

Caffè per il cuore

Gli specialisti hanno basato i loro risultati su studi condotti nel 1948, anche se possono sembrare molto distanti e possono non essere più così importanti, la realtà è diversa. Perché erano basati sui risultati dello studio Framingham in quell’anno, per analizzare la dieta e lo stato del sistema cardiovascolare di un gruppo di residenti della città statunitense del Massachusetts.

Gli scienziati hanno utilizzato un metodo di apprendimento automatico in cui hanno cercato i link nei dati dallo studio Framingham allo shopping online. Dove prevede i prodotti degli utenti in base alla loro cronologia di ricerca.

In questo modo, hanno confrontato i risultati della ricerca automatica con quelli della ricerca tradizionale, trovando una relazione tra il consumo di caffè e il basso rischio di soffrire di problemi di salute di cui sopra.

Tuttavia, il comunicato sottolinea che si tratta solo di una relazione osservata, ma non di una relazione di causa-effetto.

D’altra parte, diversi studi mostrano le seguenti percentuali di riduzione del rischio di infarto, secondo Muy interessante:

  • Bere una tazza di caffè al giorno riduce il rischio del 23%.
  • Bere da una a due tazze di caffè al giorno ha ridotto il rischio del 34%.
  • Bere da tre a quattro tazze di caffè al giorno ha ridotto il rischio del 41%.
  • Bere più di cinque tazze di caffè al giorno ha ridotto il rischio del 19%.

Caffè con caffeina, è meglio?

Secondo le informazioni dell’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM), il caffè decaffeinato emerge in risposta alle preoccupazioni della popolazione sugli effetti del consumo di caffeina.

Cosa c’è di meglio? È meglio utilizzare una delle due opzioni con moderazione, come spiegato di seguito.

1. Considerate il vostro programma e le vostre attività. Bere il caffè con caffeina come segue: Da 1 a 3 tazze Da 1 a 5 ore nel pomeriggio. Trascorso questo tempo, bere caffè senza caffeina (1 o 2 tazze) e prima delle 20.00.

2. Le dimensioni della tazza. Il calibro per tazza di caffè è di 250 ml.

3. La caffeina ti fa male? Infatti, il caffè senza caffeina è utile per coloro che hanno una situazione specifica e avversa, come ad esempio un’allergia alla caffeina. Il caffè decaffeinato è anche un modo per moderare il consumo di caffè con caffeina.

L’UNAM riferisce anche che la caffeina funziona bloccando alcuni recettori cerebrali al fine di ridurre la sonnolenza. Questo effetto si verifica dopo 10-15 minuti, dopo aver bevuto il caffè. Moderazione. Il problema non è la caffeina, ma l’eccesso di caffeina.

Vantaggi di 1 a 3 tazze. Bere questa quantità ogni giorno riduce la fatica, la depressione, migliora la concentrazione, stimola l’attività cerebrale e riduce l’alito cattivo.

Il “male”. Un consumo eccessivo di caffè con caffeina causa tremori, tachicardia, diarrea, insonnia, vomito, nausea, ulcere gastriche e problemi digestivi.
Per saperne di più sul tuo caffè….

Elaborazione. Il caffè senza caffeina si ottiene rimuovendo la caffeina dal caffè verde con acqua o un solvente clorurato. La caffeina estratta viene venduta all’industria farmaceutica.

Azione prolungata. Dopo 45 minuti si raggiunge il massimo effetto della caffeina che durerà tra le 3 e le 9 ore: questo dipenderà dalla capacità di essere metabolizzato in ogni persona.

Altre bevande. Infatti, la caffeina non è presente solo nel caffè, altre bevande che lo contengono sono il cioccolato e il tè.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *